breaking news

Benevento, Vigorito: “Grazie a tutti i protagonisti della cavalcata. Siamo matricole, ma guarderemo in alto. Su Auteri…”

30 Giugno 2016 | by Domenico Passaro

E’ terminata da pochi minuti la conferenza stampa di Oreste Vigorito, che ha annunciato di aver ripreso in gestione il Benevento Calcio.

L’avvocato Vigorito ha esordito con i ringraziamenti destinati a Gaetano Auteri e alla squadra protagonista della cavalcata verso la B, senza dimenticare i tifosi: “Voglio ringraziare mister Auteri, protagonista di questa cavalcata. In un anno abbastanza difficile è riuscito a darci quella soddisfazione che si aspettava da anni. Ringrazio per il suo lavoro, per aver tenuto unito l’ambiente e per esser riuscito a riportare gente attorno alla squadra. Un ringraziamento doveroso come autore non protagonista della scorsa stagione e come erede del prossimo campionato. Voltiamo pagina e dopo lui ci sono i giocatori che vanno ringraziati tutti, così come lo staff senza dimenticare nessuno. Anche i calciatori, come il tecnico, fanno parte di un mondo che non abbiamo costruito noi. Anche chi andrà via non verrà mai dimenticato dalla città e dalla società. Un pensiero anche al presidente, il dott. Pallotta, che per un anno intero ha gestito questa società e rimarrà negli annali. Solo resettando la nostra mente dai ricordi poco piacevoli potremo goderci il futuro, che almeno in partenza è più bello di quello che è passato. Ringrazio, naturalmente, anche la tifoseria nel suo complesso. Ringrazio anche la stampa, ho letto di una stampa molto attenta e moderata che ha lasciato anche da parte qualche spigolatura di troppo. Ringrazio ogni componente che rende possibile la partecipazione al campionato di Serie B”.

Sul fronte societario: “Rispetto al 30 Aprile sono cambiate davvero tante cose. Il presidente designato ha dato le dimissioni e che la compagine societaria ha deciso di riaffidare la gestione della società all’ex presidente che era rimasto dietro le quinte come main sponsor. Non ci sono trattative in corso c’è soltanto il controllo delle azioni della società che ha deciso di avviare un nuovo ciclo con la nomina del nuovo presidente. Un presidente è tale quando ha pieni poteri, l’avvocato Vigorito non si siede su una poltrona per coprire qualcuno. Nuove figure in dirigenza? E’ un motivo di riflessione, ma bisogna vedere prima con precisione cosa è stato fatto e cosa bisognerà fare. Poi non ho molta conoscenza della Serie B (ride ndr) e quando capirò l’organizzazione completa vedremo. Non ci tireremo indietro se ci fosse bisogno di nuove figure”.

Capitolo Auteri: “Ho trovato una società senza allenatore e con gli azionisti si è ritenuto che si fosse chiuso un ciclo e si è preferito ricominciare. Di certo è ingenuo pensare che io sia tornato presidente per l’addio di qualcun altro. La mia stima e il mio rispetto nulla hanno a che vedere con la mia scelta. Io non ho richiamato Auteri, non ho detto che non l’ho voluto”.

Vigorito comunica che le scadenze sono state tutte rispettate: “Tutte le prescrizioni al 20 di giugno sono state fatte e abbiamo rifatto gli spogliatoi e stiamo organizzando lavori anche nei pressi della sala stampa dello stadio. Tutto questo a spese nostre. Sino ad oggi il silenzio dell’amministrazione, che prima era presa dalle elezioni, ho avuto un invito dalla nuova per parlare, spero che non si parli soltanto”.

Verso la Serie B: “Impossibile negare che mi abbiano colpito gli atteggiamenti d’affetto della gente. E’ stato uno stimolo in più, non il motivo della decisione, così come non era stato il motivo quando sono andato via. Non pensavo che per vincere un campionato fosse necessario munirsi anche di investigatori e guardie, basti guardare fatti accaduti che ci hanno negato prima la Serie B. Abbiamo pagato gavetta. Oggi non siamo esperti della B, ma certamente più attenti alle cose che accadono attorno. Faremo, mi auguro, un campionato di rispetto, provando a far sentire il Benevento. Siamo ancora troppo giovincelli per alzare la testa, ma potete star sicuri che non l’abbasseremo mai e questo significa guardare in alto”.

Mercato: “Negli altri anni a questo punto avevamo quasi una squadra completa. Abbiamo aspettato di chiudere per il nuovo allenatore. Baroni ha stilato la lista con Di Somma, poi ci sarà la lista degli obiettivi e poi quella del possibile. Cercheremo di centrare qualche obiettivo e di realizzare qualche desiderio. Questo vale per le conferme e per i nuovi innesti. I 18 saranno un mix tra quelli che già ci sono, più esperti della categoria ed in più ci saranno dei giovani da valorizzare. Ho fatto gli auguri a Di Somma che è a Milano, aspettando che ritorni. Le primizie, se le volete, è che Higuain non rinnova col Napoli. Aspettiamo tutti con impazienza, vogliamo dare al mister una squadra competitiva”.

Ritiro e capitolo Baroni: “Mi hanno informato che l’allenatore ed il diesse stanno organizzando le visite mediche per i calciatori ed entro la metà di luglio dovrebbe esserci il ritiro presso l’Hotel Mancini di Roma per un paio di settimane. La prossima settimana sarà presentato Marco Baroni. Cosa mi ha colpito di lui? Ha segnato il gol dello scudetto del Napoli (ride ndr). Ha dato l’impressione di essere un allenatore con voglia e determinazione. Viene dalla Juventus e quindi ha un certo tipo di mentalità. Negli ultimi tre anni ha avuto buoni risultati in B e ha detto di voler puntare su una rosa mista tra esperti e giovani, filosofia che sposa quella societaria. Inizialmente aveva preso 24 ore, gli ho chiesto il perché e Baroni poi mi ha detto che sarebbe arrivato a Benevento. Quella pausa ha fatto capire ad entrambi dove non c’eravamo intesi”.

Novità settore giovanile: “Avevamo assunto la responsabilità di portare avanti i settori giovanili di Benevento e Casertana. Sulle 6 squadre che abbiamo curato, 5 sono andati alle fasi finali dei rispettivi tornei. Abbiamo lasciato il settore giovanile rossoblu. Le nostre giovanili saranno iscritte ai rispettivi campionati con un convitto a Benevento che ospiterà i più bravi e saranno confermati tutti i vecchi calciatori con allenatori tesserati. Vogliamo che il settore giovanile sia il fiore all’occhiello di questa società. Il nostro settore giovanile ha portato alla ribalta diversi calciatori, noi continueremo, sperando di trovare anche il nostro Maradona. Vorremmo che la Primavera giocasse al Meomartini, il cuore della città. Abbiamo avuto questa disponibilità e siamo felici di coglierla al volo”.

Campagna abbonamenti: “Credo che se i tifosi abbiano rallentato la corsa lo ha fatto per dimostrare l’enorme amore per questa squadra. Vanno ringraziati quelli che l’hanno fatto, così come chi ha riflettuto. Da domani non ci vorrà la corsa, ma l’assalto agli abbonamenti. Spero siate soddisfatti delle nostre iniziative e ci aspettiamo che ce ne siano anche da parte dell’amministrazione provinciale. Noi abbiamo fatto il nostro, compreso i tifosi della città che hanno permesso lo sconto a quelli della provincia”.


Pubblicato il:30 Giugno 2016 alle 5:52 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *