Senza far calcoli per l’Avellino c’è ancora un’occasione sul campo per evitare di dipendere dalle altre e conquistare la salvezza. La vittoria manca da quattro partite ed i biancoverdi devono centrare i tre punti contro chi, invece, nelle ultime quattro è in serie positiva, seppur già matematicamente retrocesso. Per la gara di giovedì Walter Novellino ritroverà Laverone, ma la sorpresa potrebbe essere proprio quella della conferma di Lasik sulla linea dei difensori, dove al centro potrebbe rivedersi anche Jidayi che è tornato ad allenarsi con il gruppo. Una catena destra già testata, ma con l’assoluta novità dell’inversione di ruoli, dopo i buoni segnali ricevuti dallo slovacco, rispolverato nel suo vecchio ruolo. Per l’attacco, il tecnico di Montemarano sembrerebbe intenzionato alla conferma del tandem composto da Castaldo ed Ardemagni, senza lascia posto quindi a Verde. Per il numero 7 magari sarà riservato qualche minuto nel finale per l’ultima gara (play-out permettendo) al “Partenio” prima del rientro alla casa base Roma.

Avellino-Latina sarà diretta dal Sig. Francesco Paolo Saia di Palermo. Con dieci precedenti il bilancio per l’Avellino con il fischietto siciliano è in chiaroscuro con 4 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte. Equilibrato dal canto dei biancoverdi, ma il bilancio è nel segno dell’X per i nerazzurri con otto pareggi ed una sola vittoria totalizzati in 12 precedenti totali. Per le due squadre un precedente in comune con Saia, sempre al “Partenio”, quando nel campionato 2012/2103, allora in Lega Pro, l’arbitro di Palermo diresse il pareggio per 1-1. Il gol del momentaneo vantaggio biancoverde fu siglato da Gigi Castaldo, che di quell’undici sarà in campo anche giovedì, così come capitan D’Angelo.

Lascia una risposta