Responsabilità diretta e oggettiva per l’Avellino Calcio. La Procura Federale ha notificato alla società irpina gli esiti dell’indagini sulla partita Catanzaro – Avellino, sfida del 5 maggio 2013 e valsa la promozione in B proprio dei campani. Le indagini, che si erano concluse pochi giorni fa con l’audizione dell’ex presidente del Catanzaro Giuseppe Cosentino, rientrano nell’inchiesta Money Gate della Procura della Repubblica di Palmi. Proposte di deferimento per il presidente Walter Taccone e il direttore sportivo Vincenzo De Vito mentre per il Catanzaro, oltre l’ex presidente anche l’ex direttore sportivo giallo-rosso Armando Ortoli.
Nella settimana del primato, un nuovo processo alle porte per l’Avellino dopo quello dello scorso anno per la vicenda calcioscommesse.

Lascia una risposta