Esordire contro la squadra del cuore, nel giorno del compleanno del padre. E’ stata una giornata speciale per il giovane Enrico Brignola che non nasconde l’entusiasmo: “Dedico l’esordio in Serie A a mio padre, la mia famiglia, ma anche a chi mi ha sostenuto sempre, dal mister a questo pubblico fantastico”. Il giovane attaccante, cresciuto nel vivaio giallo-rosso ha seguito alla lettera le parole di Mister De Zerbi, il quale lo ha spronato sin dai primi momenti del riscaldamento. “Il mister – sottolinea – mi ha detto di giocare come se fossi nella Primavera e quindi di fare quello che faccio sempre, ossia divertirmi, puntare l’avversario e dare il tutto per tutto“. Una soddisfazione personale, quella dell’esordio, ma anche del Benevento, al primo pareggio: “E’ stata una partita difficilissima, ma siamo felici per il pareggio. Lo meritavamo non solo per quello fatto oggi, ma anche per le altre gare perse per un nulla. E’ un punto che da morale ed entusiasmo. E’ stato un sogno – conclude il fantasista  – esordire contro la squadra del cuore“.

Lascia una risposta