breaking news

Benevento-Udinese: 3-3. Sorpassi e controsorpassi. La Strega acciuffa il pareggio in extremis

29 aprile 2018 | by Domenico Passaro
Benevento-Udinese: 3-3. Sorpassi e controsorpassi. La Strega acciuffa il pareggio in extremis
Benevento calcio
0

Accade di tutto al “Vigorito” perché il risvolto del meteo è un po’ quello che accade anche in campo, dalla giornata di primavera inoltrata a quella autunnale il passo è breve, così come in campo per una partita ricca di sorpassi e controsorpassi. Il match con l’Udinese, che a nulla valeva per la classifica del Benevento, è un po’ la fotografia della stagione fatta di disattenzioni, chiamate al Var e troppa fragilità. Normale che la mente libera da obiettivi porti anche a quell’eccessiva spensieratezza tramutata in scarsa concentrazione. Il Benevento va sotto con il colpo di testa di Widmer, risponde subito con il tuffo di Viola e va nel secondo tempo anche in vantaggio, nonostante l’inferiorità numerica dal minuto 57′ per il doppio giallo di Cataldi. Poi in un minuto la squadra sannita regala letteralmente la doppietta a Lasagna, prima si addormenta Tosca e l’errato controllo dell’attaccante diventa il tocco vincente, poi Venuti serve un assist involontario ancora al 15. L’Udinese sfiora il quarto, ma è proprio al 90′ che i giallorossi trovano il pareggio con la zuccata di Sagna. Sugli spalti si apre con l’euforia della gente che accompagna sino ai minuti finali, indipendentemente dai risvolti sul campo. La platea si gode il penultimo step in casa del palcoscenico da A ed è l’immagine bella che resta di questa domenica e, probabilmente, della stagione intera.

Puggioni in panchina per un risentimento al ginocchio, in porta gioca Brignoli con De Zerbi che però ha recuperato tutti gli acciaccati con Djuricic nel tridente e Cataldi confermato a centrocampo. Tudor per la prima non stravolge l’assetto, riparte dal 3.5.2 con soli due cambi, ovvero Pezzella sulla sinistra ed il rifinitore alle spalle di Lasagna, ovvero Balic anche per dare maggiore densità al centrocampo.

I TEMPO – I padroni di casa partono davvero molto forte, per i bianconeri c’è un po’ di confusione. La prima conclusione da fuori è di Viola che al settimo scarica il sinistro, comodo per Bizzarri. Al dodicesimo però a passare sono gli ospiti grazie ad un calcio di punizione dalla trequarti. L’intervento di Venuti su Balic viene sanzionato con il giallo, davvero molto dubbio. Sul pallone Balic che la mette in mezzo per il colpo di testa di Widmer che sblocca l’incontro. A fare però la partita sono i padroni di casa che al minuto 23 trovano il pareggio sugli sviluppi di una manovra avvolgente: palla a sinistra per Venuti che ingaggia il duello con Stryger per collezionare l’assist in area ed il gran tuffo di testa di Viola che supera Bizzarri. Passano pochi minuti e rischia di ripetersi l’azione del gol bianconero, ancora con la punizione di Balic, stavolta con il colpo di testa di Samir respinto da Brignoli e poi pescato in posizione di off-side. Risponde subito il Benevento vicino al vantaggio: Djuricic per Iemmello, controllo e tiro dell’attaccante che però non inquadra lo specchio. Chiude la frazione il Benevento in attacco che ci prova con il sinistro a giro di Brignola che non trova lo specchio per questione di centimetri.

II TEMPO – Nella ripresa partono meglio gli ospiti, insidiosi dopo 8 minuti ancora sugli sviluppi di un calcio di punizione con il colpo di testa di Behrami che però non trova bene l’impatto con la sfera. Per il Benevento si compromette dopo dieci minuti dall’avvio del secondo tempo: Cataldi tocca Lasagna in ripartenza, un contatto che costa il secondo giallo al centrocampista che lascia i suoi in inferiorità numerica. Dalla giornata di Primavera inoltrata, alla burrasca. Si alza il vento che rischia all’ora di gioco di trascinare letteralmente in porta la sfera direttamente dal corner di Viola, Bizzarri ci mette una pezza. Nonostante l’inferiorità i giallorossi giocano meglio degli avversari: al minuto 70 Brignola si beve Danilo prima di scaricare il sinistro: netto il tocco con il braccio di Strygen. Maresca non ravvisa il rigore, poi la chiamata del VAR ed il check per tornare sulla decisione. E’ calcio di rigore. Dal dischetto calcia centrale e non fallisce Massimo Coda. Non dura neanche due minuti il vantaggio dei padroni di casa, Tosca e Brignoli si addormentano al centro dell’area ed il controllo errato di Lasagna diventa il tocco vincente in fondo alla rete. In bambola i giallorossi che capitolano un minuto dopo: Venuti in tuffo al centro dell’area invece di spazzare, serve un assist volontario per Lasagna che in un minuto centra la doppietta. Alla caccia del pareggio i giallorossi rischiano di subire il quarto gol prima con Balic e poi con il destro da fuori di De Paul, entrambi imprecisi. Ne approfitta la Strega che chiude in attacco, trovando il pareggio proprio al novantesimo da corner con il tocco vincente di Sagna per il primo gol in giallorosso. Pareggio meritato per la Strega, poco confortante per l’Udinese del debuttante Tudor. Dovranno sudare fino alla fine i bianconeri per centrare la salvezza.

Benevento (4-3-3): Brignoli; Venuti, Tosca, Djimsiti, Sagna; Viola, Sandro, Cataldi; Djuricic (35′ Coda), Iemmello (58′ Parigini), Brignola (90’+1 Gyamfi). A disposizione: Puggioni, Rutjens, Letizia, Del Pinto, Billong, Sanogo, Volpicelli, Sparandeo. Allenatore: De Zerbi

Udinese (3-5-2): Bizzarri; Samir, Danilo, Stryger; Pezzella, Fofana, Behrami, Barak (46′ De Paul), Widmer (77′ Zampano); Balic; Lasagna (82′ Perica). A disposizione: Scuffet, Borsellini, Ingelsson, Nuynck, Maxi Lopez, Pontisso, Hallfredsson, Ali Adnan. Allenatore: Tudor.

Arbitro: sig. Fabio Maresca di Napoli (Tegoni di Milano – Peretti di Verona. IV: Balice di Termoli. VAR: Mariani di Aprilia. AVAR: Di Vuolo di Castellammare di Stabia).

Marcatori: 13′ Widmer, 23′ Viola, 76′ Coda, 78′, 80′ Lasagna, 90′ Sagna

Ammoniti: 11′ Venuti (B), 26′, 57′ Cataldi (B), 64′ Balic (U), 66′ Brignola (B), 75′ Strygen (U)

Espulso: 57′ Cataldi


Pubblicato il:29 aprile 2018 alle 5:02 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *