breaking news

Pisa, Gattuso: “Usciamo da Benevento a testa alta. Preferirei qualche complimento in meno e dei punti in più”

30 Dicembre 2016 | by Domenico Passaro
Pisa, Gattuso: “Usciamo da Benevento a testa alta. Preferirei qualche complimento in meno e dei punti in più”
Ultime di serie B
0

Un gol di Cissè condanna il Pisa all’ottava sconfitta stagionale. La ritrovata serenità per la chiusura della querelle societaria non basta ad evitare il KO a Benevento per una squadra più propositiva rispetto al registro stagionale, ma con evidenti limiti. un chiaro messaggio anche alla nuova proprietà per una rosa che ha bisogno di qualche innesto importante per poter centrare l’obiettivo. “E’da un po’ di tempo che facciamo buone prestazioni e raccogliamo poco. – ha dichiarato al termine del match il tecnico, Gennaro Gattuso, – Non posso dire nulla ai miei, sopratutto per l’emergenza e per come siamo arrivati. La partita si è bloccata su un nostro errore, che può starci. La classifica comincia ad essere un po’ difficile, ma bisogna guardare avanti con la consapevolezza che questa squadra è viva. In ogni campo ci siamo fatti rispettare e devo solo ringraziare i miei ragazzi. E’ da un po’ di tempo che i miei colleghi fanno complimenti, ma spero di trovar pochi complimenti nel girone di ritorno ma qualche punto in più. Nel primo tempo l’interpretazione è stata errata, perché non li prendevamo mai e non abbiamo pressato alto, come l’avevamo preparata.

Teniamo bene il campo, ma giocare sempre in emergenza condiziona anche noi nelle scelte. Siamo limitati per come siamo arrivati e per la condizione fisica, ma qualsiasi altra squadra oggi avrebbe preso un’imbarcata paurosa, noi invece abbiamo tenuto ed usciamo a testa alta. Non vedo una squadra morta, vedo una squadra viva e che ci prova.

Il Benevento è una squadra con una difesa che mi piace molto con giocatori sempre attenti e sul pezzo. Una squadra ben costruita ed allenata da un tecnico che negli ultimi anni ha fatto davvero bene”.

Sul mercato: “La proprietà ha già fatto uno sforzo importante per acquisire il club. Io faccio già fatica a fare questo mestiere, i nomi li fanno loro. Bisogna stare attenti ed avere un equilibrio, perché bisogna esser certi che a fine mese gli stipendi siano pagati e faremo un mercato consapevoli delle nostre potenzialità”.


Pubblicato il:30 Dicembre 2016 alle 10:46 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *