breaking news

Spal-Benevento: 2-0. Prima dell’anno amara per i giallorossi

21 Gennaio 2017 | by Domenico Passaro
Spal-Benevento: 2-0. Prima dell’anno amara per i giallorossi
1^ Squadra
0

L’anno del Benevento comincia con una sconfitta. Al giro di boa la Spal si aggiudica il secondo atto dello scontro tra neo promosse con il gol di Vicari che vale il sorpasso della squadra estense proprio sui sanniti. Snaturata la squadra di Baroni che regala un’ora di gioco agli avversari, disorientata dal nuovo assetto e quasi mai propositiva, se non nell’arrembaggio finale. D’altra parte è ordinata la squadra di Semplici che dopo il gol ha anche due occasioni per chiudere il match, ma che suda fino all’ultimo quando è Floccari a chiudere i conti. La Spal conquista tre punti meritati e preziosissimi, un inizio d’anno amaro per i giallorossi. Lo stesso risultato dell’andata, a parti invertite, lì Benevento e Spal si presentavano alla B solo come neopromosse, ora però sono i biancoazzurri che si portano a ridosso della vetta.

Baroni stravolge completamente la formazione, proponendo un undici del tutto inedito. Certo è che pesano le assenze di Lopez, Padella, De Falco, Buzzegoli e Ciciretti, ma il tecnico toscano decide di lasciare in panchina anche Ceravolo (in settimana colto da un attacco influenzale) e Melara. La grande novità è anche nell’assetto, perché i giallorossi partono con un 3-4-3 quasi a specchio rispetto agli avversari con Gyamfi e Venuti larghi ed un tridente puro formato da Cissè, che parte largo, Puscas e Falco. In panca anche Chibsah, al suo posto c”è Del Pinto con il debutto di Eramo in mediana. Semplici conferma il collaudato 3-5-2 con l’ex Bonifazi a completare il pacchetto difensivo con Giani e Vicari. Lazzari e Del Grosso sono gli esterni di centrocampo, mentre partono dalla panchina gli ultimi arrivati Costa e Floccari. In avanti al fianco di Antenucci non c’è Zigoni, ma il tecnico biancoazzurro dà una chance a Finotto.

I TEMPO – Partono bene i sanniti, ma la prima occasione al quarto d’ora è dei padroni di casa che chiamano al grande intervento Cragno. Il riflesso con la manona dell’estremo difensore blinda la porta sul piazzato dal limite di Giani che aveva aproffitato degli sviluppi di un angolo al quarto d’ora. Spingono i biancoazzurri pericolosi dopo cinque minuti: Del Grosso approfitta dell’errore di Gyamfi sul controllo, soffia palla e ci prova col sinistro, ma il diagonale deviato termina di poco a lato. Un solo sussulto da fuori del Benevento con una conclusione dalla grandissima distanza di Eramo. Falco è l’uomo più ispirato, ma manca il varco giusto per servire i compagni. Prima frazione che sembra destinata a chiudersi a reti inviolate, finché al 43′ Schiattarella non disegna la traiettoria giusta da calcio d’angolo che trova il perfetto intervento di testa di Vicari che infila Cragno. La Spal conquista a ridosso dall’ingresso negli spogliatoi il vantaggio, Benevento mai propositivo, troppo abbottonato e forse disorientato dalle tante novità.

II TEMPO – La squadra di Semplici apre la ripresa con un’occasionissima per Finotto che a tu per tu con Cragno spara addosso al portiere giallorosso. Baroni stenta a cambiare e la sua squadra al quarto d’ora rischia ancora con l’imbucata per Schiattarella che tenta lo scavetto, ma è ancora insuperabile l’estremo difensore di proprietà del Cagliari che tiene ancora i suoi a galla. Il Benevento stenta a costruire qualcosa e allora l’allenatore dei sanniti torna al classico, risistemando i suoi a 4 con l’ingresso di Ceravolo per Gyamfi. A pochi minuti dal suo ingresso, il numero 9 è subito pericoloso. Da calcio d’angolo raccoglie palla e scarica il sinistro, ma la palla finisce solo sull’esterno della rete. Aumenta la pressione della squadra ospite: minuto 33, Falco pennella dentro per Cissè che controlla alla grande col petto e scarica il sinistro, ma è prodigioso l’intervento di Meret che salva il vantaggio dei suoi. Benevento anche sfortunato, perché Baroni brucia un cambio per l’infortunio di Venuti negli ultimi 10 minuti e senza terzini Baroni deve adattare Pajac sulla linea dei difensori. Pressione giallorossa, Eramo sciupa una grande occasione su appoggio di Cissè e spara alto sopra la difesa. C’è spazio anche per Campagnacci che entra al posto di Puscas. A spegnere le ultime speranze dei sanniti però ci pensa Floccari: per lui esordio con la maglia biancoazzurra con gol, quello del raddoppio. 11 vittoria in campionato per la Spal che si prende il secondo posto, quinta sconfitta invece per i sanniti, la seconda consecutiva in trasferta.

Spal (3-5-2): Meret; Bonifazi, Vicari, Giani; Lazzari, Schiattarella, Pontisso (71′ Arini), Mora, Del Grosso (85′ Cremonesi); Antenucci, Finotto (64′ Floccari). A disposizione: Marchigiani, Silvestri, Zigoni, Schiavon, Castagnetti, Costa. Allenatore: Semplici.

Benevento (3-4-1-2): Cragno; Camporese, Lucioni, Pezzi; Gyamfi (65′ Ceravolo), Eramo, Del Pinto, Venuti (81′ Pajac); Falco; Cissè, Puscas (83′ Campagnacci). A disposizione: Gori, Melara, Ceravolo, Pajac, Chibsah, Bagadur, Fusco, Donnarumma, Campagnacci. Allenatore: Baroni.

Arbitro: Illuzzi di Molfetta.

Marcatori: 43′ Vicari, 90′ Floccari

Ammoniti: 38′ Cissè (B), 53′ Mora (S)

Recupero: 1′ pt, 5′ st;


Pubblicato il:21 Gennaio 2017 alle 4:55 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *