breaking news

Benevento – Roma, li abbiamo visti così

20 Settembre 2017 | by Gianluca Napolitano
Benevento – Roma, li abbiamo visti così
1^ Squadra
0

BELEC:  Altro pomeriggio da incubo per l’estremo giallorosso, che questa volta può poco o nulla sulle quattro segnature capitoline. Al 13′ è reattivo su un gran colpo di testa di Dzeko, resta però sempre troppo ancorato sulla linea di porta.  VOTO: 5,5.

LETIZIA:  Partita insufficiente quella dell’ex Carpi che non riesce quasi mai ad arginare lo strapotere romano sulla corsia di competenza. L’impegno e la foca non mancano, ma gli avversari sono di alta caratura e di altra sostanza fisica. VOTO: 4,5.

VENUTI: Schierato al centro della difesa per la carenza di difensori fa quel che può ma l’ariete romano che giostra dalle sue parti è davvero indomabile. Aggiungiamoci poi anche l’autorete. Ma gli errori non sono dipesi solo da lui. VOTO: 5.

LUCIONI: Altra giornata da dimenticare per il capitano giallorosso che come i suoi compagni ci mette tutto quello che ha nei primi venti minuti, poi dopo il vantaggio romano la già traballante baracca crolla d’un sol colpo. Anche per lui una sfortunata autorete.  VOTO: 5.

DI CHIARA: Leggermente meglio di quanto fatto vedere con il Napoli, ma ancora una volta gli avversari sfondano dalle sue parti con molta facilità. Deve acquistare maggiore sicurezza e più esperienza.  VOTO: 4,5.

MEMUSHAJ:   La sua posizione in campo fino al raddoppio della Roma ci ha convinto ben poco, quando poi ritorna a fare quello che sa fare meglio è in debito d’ossigeno tanto da regalare a Dzeko la palla del tris. VOTO: 4,5.

CATALDI: Capita sui suoi piedi al 18′ la possibile palla del vantaggio ma la conclusione risulta imprecisa, peccato. Cerca di dare un po’ di dinamicità  al centrocampo riuscendoci raramente.  VOTO: 5.

CHIBSAH: Cerca di dare il suo contributo alla causa fatto di corsa e accelerazioni, il problema è che spesso si ritrova ad impostare il gioco ed è li che qualche problema viene a galla. Fisicamente regge l’urto. VOTO: 4,5

LAZAAR: Gara incolore, nella quale non punge quasi mai ma la cosa forse più grave non riesce a supportare Di Chiara in fase di copertura. Altro calciatore ibrido. VOTO: 4,5

PUSCAS: Nel grigiore generale ci mette quel qualcosina in più in termini di voglia e corsa, anche se poi non risulta mai incisivo li davanti. VOTO: 5.

CODA:  Peggio delle altre gare, inizia probabilmente anche a sfiduciarsi tanto che quando ha sul piede un paio di buone occasioni non riesce a buttarla dentro. Troppo leggero e poco affamato nelle conclusioni  verso la porta avversaria.VOTO: 4,5.

SUBENTRATI:

64’  PARIGINI PER LAZAAR: Schierato a sinistra fa molto fumo e poco arrosto: Becca anche il giallo. VOTO:4,5 .

74′ CODA PER ARMENTEROS: Non tocca praticamente quasi mai la palla S.V.

MISTER BARONI:  Che in questo momento il Benevento tra infortuni e risultati negativi abbia più di qualche problema è chiaro, che la condizione psicologica possa iniziare a diventare pesante è preventivabile, però se anche la disposizione tattica inizia ad essere un po’ troppo cervellotica , contro una squadra già di per se forte fisicamente e ben messa in campo, allora è veramente notte fonda. La posizione in campo di Memushaj fino al raddoppio della Roma non ci è stata molto chiara, uno perché l’albanese non è un esterno e lo si è visto nell’azione dell’ 1 a 0, due perchè le trame di gioco sannite sono dovute, per forza di cosa, passare tra i ruvidi piedi del buon Chibsah. In attesa di trovare il bandolo della matassa, forse la prima cosa da fare a questo punto sarebbe quantomeno far giocare i calciatori in organico nei propri ruoli naturali, per poi capire quali soluzioni tattiche possano essere più consone al tipo di partita. Qualche svolta bisogna darla sotto diversi aspetti, Crotone è alle porte e da domenica sera le attenuanti per tutti inizieranno a ridursi drasticamente, la confusione è dietro l’angolo. Speriamo che non paghi una campagna acquisti più di B che di A.  VOTO: 5.


Pubblicato il:20 Settembre 2017 alle 11:20 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *