breaking news

Lazio – Benevento, li abbiamo visti cosi

31 Marzo 2018 | by Gianluca Napolitano
Lazio – Benevento, li abbiamo visti cosi
1^ Squadra
0

PUGGIONI: La sua partita dura pochi minuti il tempo di toccare con le mani fuori area un pallonetto di Immobile lanciato a rete. Poteva lasciarlo andare e continuare a giocare in undici? Salterà il Verona. VOTO: S.V.

DJIMSITI: Tiene in gioco Immobile in occasione del primo goal, meglio sicuramente quando si ritorna con la difesa a quattro, anche se l’intesa con Costa è praticamente nulla. Meglio in altre occasioni. VOTO: 5,5.

COSTA:  Ritrova il campo dopo mesi, non ha i tempi ne la personalità da centrale nella difesa a tre, leggermente meglio quando si passa a quattro. E come ciliegina sulla torta si perde De Vrij sull’ennesima fatale palla inattiva. VOTO: 4,5.

TOSCA: Anche per lui in partita sempre in sofferenza sia da terzo di sinistra che da esterno basso. Non legge bene alcune giocate degli avanti bianco-azzurri con il goal del 2 a 2 di Caicedo. Da salvare solo voglia ed impegno. VOTO:5

SANDRO: Parte sbagliando qualche passaggio elementare, poi con il passare dei minuti riesce a trovare la giusta posizione, termina con la spia rossa accesa, ma è uno degli ultimi a mollare.  VOTO: 6.

LOMBARDI: Al 2′ minuto potrebbe sbloccare il risultato, ma il suo diagonale è impreciso. Si sacrifica in fase di contenimento, poi al 52′ fa una bella giocata personale  permettendo a Guilherme di portare in vantaggio i giallorossi. VOTO: 6

CATALDI: Parte meglio del suo compagno di reparto, più dinamico e concentrato. Trova proprio contro la sue ex squadra un bel goal su punizione (non esultando e chiedendo scusa???). Sul gesto preferiamo glissare, nel secondo tempo si dedica solo al lavoro di contenimento.  VOTO: 6.

LETIZIA: Parte a sinistra poi con l’espulsione di Puggioni passa a destra nella difesa a quattro, gioca la sua onesta partita senza infamia e senza loda, prende un paio di brutti pestoni non sanzionati con i cartellini. VOTO: 5,5.

GUILHERME: Senza dubbio il migliore dei suoi, avremmo voluto vederlo con la squadra in parità numerica. Nasconde la palla più volte ai difensori laziali, trova un gran bel goal su un’azione che parte dai suoi piedi. Un gran bel giocatore anche per il futuro.  VOTO: 7

IEMMELLO: E’ un’annata non certamente felice per lui, ritrova il campo e la maglia da titolaree ma solo per sette minuti. Si rifarà col Verona. VOTO: S.V.

DJURICIC: Questo ragazzo inizia a piacerci sempre di più, ha tecnica e giocate, deve solo trovare un po’ più di determinazione e convinzione in quello che fa. Sfiora la marcatura personale. E’ a scadenza, un pensierino si potrebbe fare per il futuro. VOTO: 6.

SUBENTRATI:

BRIGNOLI PER IEMMELLO: Incolpevole su 5 dei 6 goal subiti, ad un certo punto sembrava aver abbassato la saracinesca. Peccato per quel regalo ad Immobile, ma non ci sentiamo di bocciarlo in vista della gara col Verona. VOTO: 6.

65′ VENUTI PER LETIZIA:  Entra a partita già compromessa, difficile da giudicare i suoi venti minuti nei quali si vede poco. S.V.

73′ DEL PINTO PER DJURICIC : S.V. 

MISTER DE ZERBI: Schiera un’inedita difesa a tre pur non avendone probabilmente gli interpreti giusti. L’espulsione di Puggioni lo costringe a ritornare a quattro e sinceramente il Benevento è sembrato soffrire di meno, anche perchè probabilmente più abituati a questo assetto. Il suo Benevento in dieci regge per circa un’ora al cospetto di uno squadrone come la Lazio, poi il solito errore su calcio piazzato taglia definitivamente le gambe. La salvezza a nove giornate dal termine appare ormai più che una chimera, ma è doveroso da parte di tutti, calciatori in primis onorare la maglia fino al 20 maggio. La sensazione del Benevento visto oggi è che dalla cintola in su può far male a chiunque squadra, ma gli enormi problemi in fase difensiva se non adeguatamente affrontati continueranno a dare solo delusioni di risultati a società e tifosi. Col Verona ci aspettiamo un Benevento in assetto da guerra, chi non se la sente, resti nel ritiro romano. VOTO: 5,5.


Pubblicato il:31 Marzo 2018 alle 6:12 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *