breaking news

Benevento-Ascoli: 4-0. Sau con i botti di fine anno. Passo da record, A…rrivederci nel 2020

29 Dicembre 2019 | by Domenico Passaro
Benevento-Ascoli: 4-0. Sau con i botti di fine anno. Passo da record, A…rrivederci nel 2020
Benevento calcio
0

La Strega chiude l’anno con un cammino da record al giro di boa. Il record dei punti conquistati per un campione d’inverno di B, impreziosito dalla difesa più solida, l’attacco più prolifico del torneo ed un Sau da favola. L’Ascoli a caccia dell’inversione del trend in trasferta se la gioca a viso aperto al cospetto della capolista, che a volte illude, prima del botto. E’ la vittoria di tutti, non è un caso che ad aprire le marcature sia ancora un certo Alessandro Tuia, a cui Inzaghi non aveva voluto rinunciare nel suo turnover. Al suo secondo gol consecutivo il difensore lancia il segnale, poi nella ripresa la perla di Marco Sau per il punto al successo. L’attaccante è in gran giornata e decide lui di esplodere i botti di fine anno. In pieno recupero prima un gran destro a incrociare per il tris e poi il sigillo per la tripletta. Porta ancora inviolata, è il tredicesimo clean sheet della formazione di Inzaghi, compatta e cinica anche quando la classifica lascerebbe scampo a qualche leggerezza. Quella che non vogliono concedersi i giallorossi, sempre attenti e concentrati per chiudere l’anno alla grande davanti al proprio pubblico a fare da cornice all’immagine di chiusura del 2019. La terza è a ben 15 punti, con questo vantaggio siderale il Benevento finisce l’anno per iniziare il 2020 verso la Serie A.

Ancora turnover deciso da Inzaghi che fa rifiatare Maggio ed Hetemaj, confermando il 4-3-2-1 con il rientro dal primo minuto di Kragl e Sau a supporto di Coda. Zanetti prova a giocarsela con il tandem Da Cruz-Ardemagni innescati da Brlek.

I TEMPO – Qualche primo errore di imprecisione per il Benevento che, però, dopo appena sei minuti colleziona la prima occasione con Viola che dalla trequarti crossa per Coda che va con il tacco, se la ritrova Leali che blocca. Aumenta i giri la squadra di Inzaghi che guadagna metri e spesso al limite sbatte contro il muro bianconero che prova a resistere alla pressione avversaria. Al quarto d’ora Coda arriva alla conclusione, Brosco la tocca vistosamente con un braccio, ma Ayroldi non nota l’intervento irregolare e dunque non assegna il penalty. Risponde l’Ascoli con il destro di Gerbo che rimpalla su Da Cruz, l’attaccante l’aggiusta con un braccio prima di insaccare e ovviamente l’arbitro non convalida, ammonendo il giocatore. Prendono coraggio gli ospiti, ancora pericolosi al minuto 20 con la spizzata di Ardemagni, salva sulla linea Viola. Al 25esimo si ripresenta dalle parti di Leali ancora il Benevento con Coda che gira al volo, risponde l’estremo difensore. Sono continui i cambi di fronte, ripartenza dell’Ascoli con Gerbo che confeziona sul secondo per Ardemagni che va ancora di testa, vola Montipò e poi Tuia completa il disimpegno. Proprio il difensore ex Salernitana che diventa protagonista, proprio lui a sbloccarla al 33esimo. Kragl da punizione mette dentro, svetta Tuia che segna il secondo gol consecutivo. L’Ascoli se la gioca a viso aperto, ma a chiudere in vantaggio la prima frazione sono i padroni di casa.

II TEMPO –  Comincia bene la ripresa ancora il Benevento che ci prova con un paio di conclusioni. E come accaduto nel primo tempo, quando sembra entrare in partita l’Ascoli, ecco che il Benevento punge. Passata l’ora, Coda va ad incrociare, respinta di Leali dove si avventa Sau che con il tacco beffa tutti ed insacca. Un gol fantastico dell’attaccante sardo per il raddoppio. Come accelera il Benevento è travolgente, a sette dal termine mette il turno Maggio per servire Coda che va a incrociare, a centimetri la sfera dal palo. Inzaghi chiude con la difesa a tre a congela, come il clima, anche il risultato. L’Ascoli chiude anche in inferiorità numerica, Andreoni stende Letizia e becca il secondo giallo. E’ con un’azione spettacolare che il Benevento cala il tris, Letizia caparbio la recupera sulla trequarti, via da Sau che stoppa e calcia senza lasciare scampo. Sau esagerato, trova la tripletta all’ultima carica dopo i tentativi di Viola e Coda. Tripletta di fine anno, Benevento superlativo.L’unica nota stonata di giornata, l’infortunio di Luca Antei costretto a lasciare il campo in barella per un problema al ginocchio.

Benevento (4-3-2-1): Montipò; Letizia, Caldirola, Tuia, Antei (68′ Maggio); Viola, Schiattarella, Tello (63′ Hetemaj); Sau, Kragl (89′ Volta); Coda. A disposizione: Manfredini, Gori, Del Pinto, Improta, Basit, Gyamfi, Insigne, Di Serio, Vokic. Allenatore: Inzaghi.

Ascoli (4-3-1-2): Leali; Padoin, Brosco, Gravillon, Andreoni; Petrucci (71′ Troiano), Gerbo, Cavion; Brlek (53′ Scamacca; Da Cruz (83′ Rosseti), Ardemagni. A disposizione: Lanni, Novi, Valentini, D’Elia, Scorza, Piccinocchi, Maurizii, Matos. Allenatore: Zanetti.

Arbitro: Ayroldi di Molfetta

Marcatori: 33′ Tuia, 65′, 90’+2, 900’+4 Sau

Ammoniti: 18′ Da Cruz (A), 32′,90′ Andreoni (A), 54′ Coda (B), 62′ Caldirola (B), 75′ Gravillon (B)

Espulso: 90′ Andreoni (A) per doppio giallo


Pubblicato il:29 Dicembre 2019 alle 7:58 pm

Comments are closed.